Archivio notizie > Aiuto per i genitori di gay > MIO FIGLIO DI 15 ANNI MI HA CONFESSATO CHE E’ GAY
MIO FIGLIO DI 15 ANNI MI HA CONFESSATO CHE E’ GAY

In mio figlio di 15 anni da circa 1 anno avevo notato un isolamento e un modo scontroso di fare a casa. Avevo associato questo suo modo di essere all'età adolescenziale.
Da un paio di mesi a questa parte ha accentrato molta attenzione sui PACS e sulla omosessualità maschile.
Ha poi confessato alla sorellina di 10 anni prima e ad una zia dopo di essere gay.
Con me e con il padre non ne ha parlato.
Da un mese a questa parte ho trovato in lui un cambiamento, una certa serenità anche a casa.

Due giorni fa alla mia ennesima domanda sul come mai fosse così interessato alle questioni degli omosessuali mi ha risposto che lui è gay. Che per diverso tempo ha quasi cercato di nasconderlo a sè stesso ma che finalmente è riuscito a confessarlo - oltre che alla sorellina e alla zia - anche a diversi compagni di classe, dai quali si è sentito profondamente accettato.

Afferma di essere profondamente attratto dal suo stesso sesso, e di provare per le ragazze solo bei rapporti di amicizia. Ho cercato di trasmettergli la massima serenità, ma dentro di me vivo la paura profonda delle sofferenze a cui dovrà andare incontro nella vita, vivendo questa condizione.

Sarei felice se poteste rassicurarmi.
Grazie!
Cecilia


Ciao Cecilia,
sono Rosa mi permetto di darti del tu per rompere subito il ghiaccio. Innanzi tutto vorrei dirti che la preoccupazione di cui mi parli è assolutamente normale, non perchè hai un figlio gay ma semplicemente perché sei una madre!

La prima cosa che sento di dirti è quella di cercare di continuare a dare sempre a tuo figlio la serenità che più può servirgli, di fargli capire che sarai sempre pronta a sostenerlo ogni volta che ne avrà bisogno. Per tranquillizzarti posso dirti innanzitutto che qualcosa rispetto ai nostri tempi si sta certamente facendo, sia a livello culturale che a livello politico; già parlarne così apertamente attraverso la tv e i giornali è un passo avanti considerevole e, chissà, magari con gli anni le cose saranno così diverse da permettere a noi genitori di stare davvero tranquilli e aspettarci per loro un futuro del tutto uguale a quello di ogni altra persona. Non dimentichiamoci però che il futuro è quello che loro stessi con la crescita, la maturità e l’esperienza sapranno crearsi da soli imparando anche a “difendersi” in questa società.

Non sottovalutare poi l’importanza delle amicizie che tuo figlio sicuramente avrà: mi hai scritto che lui ha già parlato della sua omosessualità con alcuni suoi compagni di classe dai quali si è sentito ben accettato e posso assicurarti che non è tanto facile che ciò avvenga tra ragazzi adolescenti di 15-16 anni. Le cose stanno cambiando, ancora lentamente qui in Italia, purtroppo, ma una cosa che ho imparato è che da parte delle persone, specie più giovani, c’è tanto rispetto e apertura verso la questione degli omosessuali, molto più di quanto io non avrei mai immaginato fino a qualche anno fa. Se pensi che queste sono le persone che formeranno la società del futuro, quella in cui tuo figlio crescerà e si farà la sua vita, puoi stare già molto più tranquilla!

Questo è quello che sento di dirti: augurati sempre il meglio per tuo figlio, perché il fatto che si gay non vuol dire che non potrà ottenerlo nella vita!
Spero di averti rassicurata almeno un po’!!

Rosa


Fonte
Redazione Di'GayProject


CERCA